Utenti Home       Utenti Aziendali       Chi Siamo       Contratto EULA.

Dettaglio news

Databreach: l'importanza di capirne la gravità e come affrontarli
- GIOVEDÌ 16 LUGLIO 2020


Un data breach è una falla di sicurezza a causa della quale informazioni e dati vengono visualizzati e rubati senza autorizzazione. Nei fatti è anche una rottura della fiducia tra il possessore dei dati e la parte che ha subito l'accesso non autorizzato. Per dirlo in termini semplici, un data breach configura un uso non consensuale delle informazioni di una persona, risultando in una violazione del diritto individuale alla privacy. 

Per fare un esempio, ti iscrivi ad un servizio di newslettering a pagamento inviando numero di telefono, indirizzo email e dettagli della carta di credito. Se le tue informazioni vengono in possesso a terzi senza la tua autorizzazione, hai subito una violazione dei dati, un data breach appunto. 

Quanto è serio il problema?
I data breach sono un problema assolutamente scottante per aziende, società e perfino per i governi, ma anche per i singoli individui. Sono moltitudini gli eventi che determinano data breach, difficilmente contabilizzabili, che portano a gravi violazioni della privacy e persino a perdite finanziarie. Stando allo studio annuale "Cost of a Data Breach" di IBM e del Ponemon Institute, nel 2019 i data breach sono costanti una perdita pari a 3,92 milioni di dollari. 

La maggior parte dei data breach sono conseguenza di cyberattacchi contro aziende e istituzioni che gestiscono dati sensibili e personali come nome e cognome, numero di telefono, indirizzo, dettagli bancari, dettagli della carta di credito ecc... Tuttavia il problema non riguarda solo aziende e istituzioni: i cyber attaccanti mirano anche piccole aziende e perfino singoli individui. 

Cosa fare quando avviene un data breach?
Gli attaccanti mirano principalmente sistemi di sicurezza deboli o obsoleti, ma anche protocolli di sicurezza troppo lassivi. Se i dati fossero criptati il problema sarebbe molto meno grave, ma la criptazione dei dati come misura di sicurezza contro il furto è ancora, purtroppo, una pratica minoritaria. Ecco perchè i sistemi con dati non criptati sono molto gettonati. 

Gli attaccanti sfruttano vulnerabilità dei software non aggiornati, forzano password "deboli" facili da individuare e falle nella sicurezza della rete o dell'antivirus, ma cercano anche di ingannare le persone facendo leva sull'errore umano. In tutti questi casi comunque gli attaccanti entrano nel sistema quindi ottengono l'accesso ai dati che, se non criptati, sono visibili a chiunque. 

Per non farsi rubare i dati occorre essere, semplicemente, più furbi degli attaccanti. Per cominciare, ci sono alcuni consigli basilari che riteniamo utili per mettere al sicuro i dati:

- a livello aziendale
è importante criptare i dati. E' consigliabile elaborare una stringente policy riguardo i dispositivi di storage come chiavette USB, smartphone, hard disk esterni e media digitali. Dotare gli endpoint di una soluzione di sicurezza centralizzata che possa gestire la sicurezza di ogni singolo dispositivo dei dipendenti potrebbe essere più importante di qualsiasi altra disposizione. 

- a livello personale
ricordati sempre di utilizzare password solide, così che diventi difficile per i cyber attaccanti indovinarle. Non usare mai il nome o cognome o la data di nascita nella password. Usa, anzi, caratteri speciali, numeri e lettere sia minuscole che maiuscole. 

E' importante anche stare molto attenti quando si visitano siti web nuovi e quando si scaricano file dalla rete. Molti malware si annidano proprio entro software e media file disponibili gratuitamente al download online. Una soluzione di cyber sicurezza come Quick Heal Total Security può proteggerti da siti web compromessi.

E' anche utile prestare attenzione e evitare di fare clic su documenti o link contenuti in email provenienti da fonti sconosciute o non verificate. Infine dobbiamo resistere alla tentazione di condividere troppe informazioni private sui social. 

Insomma, con piccole precauzioni e una soluzione di cybersicurezza smart come Quick Heal Total Security i data breach possono essere tenuti a bada.  


Leggi tutte le news     |     Leggi tutti gli update
Ultime news

MERCOLEDÌ 5 AGOSTO 2020
I software antivirus impattano negativamente le performance di gioco?
Sei un gamer? Una di quelle persone per le quali è fondamentale mantenere più alte possibili le performance del pc per garantire fluidità del gioco, qualità audio e video...

leggi tutte le news

Premi e Certificazioni

La qualità dei prodotti Quick Heal vanta innumerevoli premi e certificazioni a testimonianza della sempre crescente importanza del marchi a livello mondiale nel settore Antivirus e sicurezza informatica

Continua a leggere »

Chi siamo
Panoramica
La nostra storia
Premi & Certificazioni
Scheda riepilogativa
Clienti
Dicono di noi
Trova un rivenditore
Manuali e schede tecniche
Chiedi aiuto
Contatti
Update
Rivenditori
Diventa rivenditore
Strumenti di supporto
Link rapidi
Rinnova ora
File di installazione
Supporto
Contratto EULA.
Download Upgrade

S-MART è un marchio di proprietà netWork Sas
P.IVA: 05345670482
Telefono: 055430352

© 2020 nwk - Privacy Policy - Cookie Policy - Login