Utenti Home       Utenti Aziendali       Chi Siamo       Contratto EULA.

Dettaglio news

In crescita i rischi informatici per i Mac: tu sei pronto?
- MERCOLEDÌ 14 APRILE 2021


Andiamo subito al punto: se utilizzi un sistema Apple Mac non significa che sei al sicuro al 100% dagli attacchi informatici. Se non prendi contromisure, se non implementi misure di sicurezza, l'unica distanza tra il tuo Mac  e un Mac infetto è un tuo errore. 

E' importantissimo sottolineare questo punto con forza, poiché è ancora molto diffusa la leggenda metropolitana secondo la quale i Mac sono immuni da rischi informatici: una convinzione radicata che espone a rischi e può avere conseguenze anche pericolose. Ci sono infatti utenti che scelgono il Mac proprio per non doversi preoccupare di malware e virus: questi utenti sono anche scarsamente vigili su come utilizzano il loro sistema proprio perchè si sentono completamente al sicuro. 

Il problema dei malware per Mac è crescente e aumenta a velocità allarmante
Sicuramente Apple è un'azienda molto attenta alla privacy dei propri utenti: privacy e sicurezza dei dati sono stati i temi dominanti del marketing di Apple. Tutto ciò è rassicurante, in un mondo ormai inondato da continui data leak e data breach. 

Questa realtà non cancella un'evidenza: i sistemi Mac non sono immuni da rischi. Il numero di malware per Mac sta superando, per la prima volta nella storia, il numero di quelli per PC. In breve, funziona così: poiché Windows ha un vantaggio enorme, in termini di quota di mercato, rispetto ad Apple (il 77% rispetto al 17% del SO Mac), gli attaccanti si sono sempre concentrati sugli utenti Windows. In definitiva, è una questione di numeri: il sistema operativo con la quota di mercato più elevata riceve "le maggiori attenzioni" semplicemente perché è possibile colpire più utenti. 

La situazione però sta cambiando: la quota di mercato dei Mac è molto cresciuta negli ultimi anni e gli hacker stanno iniziando a prenderne atto. Studi recenti stimano una crescita del 400% dei malware per Mac individuati nel 2019. Gli attaccanti si stanno semplicemente rendendo conto che gli utenti Mac sono facili obiettivi, anche e soprattutto per la convinzione che i loro sistemi siano inviolabili. I dispositivi Mac sono anche più costosi di quelli Windows quindi si suppone che gli utenti Mac siano anche più disposti a spendere soldi per recuperare i propri dati. 

Servono ulteriori prove? Eccole! Il primo virus per Macintosh, chiamato Elk Cloner, risale al 1982: si deve invece aspettare il 1986 per vedere il primo virus per PC, sviluppato per colpire PC IBM. Apple conoscendo già da decenni i rischi e vedendo il continuo aumento dei rischi ai quali sono esposti i propri sistemi, ha introdotto nel 2012 una funzione di sicurezza specifica, chiamata Gatekeeper e ha previsto sistemi e funzionalità di sicurezza aggiuntive, come il controllo delle app di terze parti che dovessero essere scaricate da fonti diverse dall'App Store ufficiale di Apple. Ma nulla è più rischioso di un utente convinto dell'invulnerabilità del proprio sistema: è un utente che non presta attenzione né alle attività che svolge né agli alert che gli vengono mostrati dal sistema. 

Ad esempio Safari, il browser ufficiale di Apple, sta ormai fronteggiando sempre più minacce, tra plug-in che vengono installati di nascosto e siti web dannosi: tutte minace che potrebbero influire sulla salute e sulle prestazione del sistema. Anche le unità flash contenenti malware continuano a rappresentare una fonte di rischio. 

Qui a Quick Heal però non sottovalutiamo affatto il problema e vogliamo garantire massima sicurezza anche ai nostri utenti Mac: ecco perchè consigliamo Quick Heal Total Security per Mac, che offre una sicurezza Mac completa con funzionalità come la Sicurezza Web, la Sicurezza email e Antispam, il Parental Control e molte altre potenti funzionalità per fortificare le difese del tuo Mac. 


Leggi tutte le news     |     Leggi tutti gli update
Ultime news

MARTEDÌ 14 SETTEMBRE 2021
Allegati dannosi: quali tipi sono più usati dai cyber attaccanti nelle email?
Le email di spam inviate ogni giorno sono miliardi. No, non è un numero a caso, sono davvero miliardi. Per lo più in realtà sono email innocue, che pubblicizzano qualcosa...

leggi tutte le news

Premi e Certificazioni

La qualità dei prodotti Quick Heal vanta innumerevoli premi e certificazioni a testimonianza della sempre crescente importanza del marchi a livello mondiale nel settore Antivirus e sicurezza informatica

Continua a leggere »

Chi siamo
Panoramica
La nostra storia
Leadership
Premi & Certificazioni
Scheda riepilogativa
Clienti
Trova un rivenditore
Manuali e schede tecniche
Chiedi aiuto
Contatti
Update
Rivenditori
Diventa rivenditore
Strumenti di supporto
Link rapidi
Rinnova ora
File di installazione
Supporto
Contratto EULA.

S-MART è un marchio di proprietà netWork Sas
P.IVA: 05345670482
Telefono: 055430352

© 2021 nwk - Privacy Policy - Cookie Policy - Login