Utenti Home       Utenti Aziendali       Chi Siamo       Contratto EULA.

Dettaglio news

iPhone nel mirino dei crypto-miner. Attenzione a CoinHive!
- MARTEDÌ 16 OTTOBRE 2018


Di CoinHive abbiamo già parlato abbondantemente: è, nei fatti, uno dei miner più invasivi e diffusi, che si è distinto in questo 2018, anno che ha visto una rapidissima affermazione dei miner come strumento di guadagno per i cyber criminali. Il fenomeno dei crypto-miner, ovvero app che, solitamente in background, sfruttano le risorse della CPU per estrarre cripto valuta (Monero o Bitcoin principalmente), è iniziato lo scorso anno e ha ormai assunto dimensioni spaventose, investendo in pieno un settore che, fino ad oggi, era rimasto più o meno al sicuro da tali tipo di attacco: il settore dei dispositivi mobili. 

Quick Heal info >> Approfondisci qui CoinHive

Alcuni dati usciti recentemente non fanno altro che confermare la gravità della situazione: a Settembre si conferma un aumento esponenziale degli attacchi con cyrpto-miner portati contro dispositivi iOS. 

CoinHive in breve...
CoinHive altro non è che un Javascript specializzato nell'estrazione di criptovaluta Monero: al contrario dei malware classici, CoinHive non viene installato sul dispositivo, ma, al contrario, è inserito all'interno delle pagine web. Teoricamente dovrebbe essere uno strumento legittimo: offre cioè la possibilità a chi possiede siti web di guadagnare dall'estrazione di Monero anziché dalla pubblicità, così da poter lasciare pulito il proprio sito web da pop up e ads fastidiosi. Peccato che lo strumento in questione sia stato usato principalmente all'insaputa degli utenti visitatori del sito web con CoinHive e, talvolta, perfino dei gestori dei siti web stessi. 


Non richiedendo alcuna installazione sul dispositivo è assai difficile da individuare: un bel problema per gli utenti di iPhone, solitamente abituati a disporre di dispositivi ritenuti praticamente immuni ai malware (anche se ormai non è più così, ci teniamo a ribadirlo. E questa vicenda lo conferma). 

Gli antivirus sono in guardia!
Va però detto che, se per i primi mesi CoinHive e script simili "viaggiavano" indisturbati nel web, adesso molti antivirus si sono aggiornati e hanno iniziato a individuare e trattare questi miner come veri e propri malware. La scelta è tutt'altro che esagerata: questi script (e, sopratutto, le versioni clandestine dei miner legittimi) tendono a sfruttare il processore al massimo delle sue possibilità. Le conseguenze non sono banali: dal rallentamento improvviso delle operazioni di sistema, all'aumento del consumo di energia elettrica fino, quando l'esposizione ai miner è prolungata nel tempo, al grave surriscaldamento e l'instabilità/crash del sistema.

Quick Heal rileva e blocca CoinHive con successo. 


Leggi tutte le news     |     Leggi tutti gli update
Ultime news

GIOVEDÌ 14 OTTOBRE 2021
Quick Heal: report 2° trimestre 2021 sulle minacce informatiche. Le minacce per Android
Il report trimestrale fornisce una panoramica dei rischi informatici più pericolosi e diffusi nel 1° trimestre 2021. Si divide in due sezioni, una per Windows e una per A...

leggi tutte le news

Premi e Certificazioni

La qualità dei prodotti Quick Heal vanta innumerevoli premi e certificazioni a testimonianza della sempre crescente importanza del marchi a livello mondiale nel settore Antivirus e sicurezza informatica

Continua a leggere »

Chi siamo
Panoramica
La nostra storia
Leadership
Premi & Certificazioni
Scheda riepilogativa
Clienti
Trova un rivenditore
Manuali e schede tecniche
Chiedi aiuto
Contatti
Update
Rivenditori
Diventa rivenditore
Strumenti di supporto
Link rapidi
Rinnova ora
File di installazione
Supporto
Contratto EULA.

S-MART è un marchio di proprietà netWork Sas
P.IVA: 05345670482
Telefono: 055430352

© 2021 nwk - Privacy Policy - Cookie Policy - Login